Artista

Nato a Bari nel 1973, Renzo Francabandera vive e lavora a Milano.

 

Dopo le collaborazioni con i settimanali satirici Cuore e Boxer-Il manifesto all’inizio degli anni Novanta, ha maturato il percorso artistico con una spiccata vocazione per la creazione d’immagine, raffinando l’esperienza pittorica con  classi di perfezionamento fra cui quelle a Milano con il prof. Italo Chiodi, cattedra di disegno dell’Accademia di Brera. 

 

Realizza illustrazioni e copertine per l’editoria, sia con disegni che con tecnica fotografica e ha realizzato progetti per università e scuole.

 

Scrive per numerose testate giornalistiche come critico d’arte e di teatro, tra le quali il trimestrale Hystrio e il quotidiano di informazione teatrale klpteatro.it. 

 

I suoi disegni sono pubblicati su diverse riviste, tra cui il magazine Paneacquaculture.

 

Ha esposto in Italia e all’estero, e sue live performances e mostre personali sono state ospitate al Maschio Angioino e al PAN (Napoli 2010) e alla Biennale Teatro (Venezia 2011), Milano (Officine Creative Ansaldo 2013) e Genova (Palazzo Fieschi, Sestri 2013).

41118252_1714322175343806_2743354199327637504_n

Born in Bari in 1973, Renzo Francabandera currently lives in Milan.

 

In the early ’90s worked for national satirical newspapers such as Cuore and Boxer (Il manifesto). Currently he writes about theatre and arts. He attended a two years masterclass with Italo Chiodi (drawning at Accademia di Brera, Milan).

 

He developed projects for universities and schools about live painting and live performing.

 

For years Francabandera represented theatre through his live painting drawings he creates during the plays, using pastel colours and Indian inks. They look like pictures, they help going with thoughts over theatre and they keep the artist in the position of a passionate reporter. 

 

During the last years some exhibitions and live painting performances took place, amongst the others, in Milan (Officine Creative Ansaldo 2013, Piccolo Teatro 2014), Genova (Palazzo Fieschi 2013), Lugano (SUI), Naples (PAN – Palazzo delle Arti and Maschio Angioino 2010) and Venice (Biennale Teatro 2011).

“Da anni Renzo Francabandera racconta il teatro in modo tutto personale, disegnando, nel buio della sala, frammenti di scena, ricamo istintivo e forte di volti e suggestioni che si svolge irripetibile ogni sera nell’incontro tra la luce dell’immagine e il corpo teatrale, istantanee di colore, inchiostri e olii, per tracciare emotivamente lo spettacolo.”

CLAUDIO FINELLI